Month: marzo 2018

La montagna è giovane

Se per una salita in motoslitta con temperature polari al Mountain Dining Jora di Markus Holzer a San Candido per una serata gourmet si deve prenotare con settimane di anticipo, significa davvero che il rifugio in alta quota tutto polenta e salsiccia ha fatto il suo tempo. Un sospetto confermato dalla pioggia di stelle Michelin che continua a colpire l’arco alpino, con le tre ultime assegnate allo chef filosofo Norbert Niederkofler del St. Hubertus, passando per La Siriola sempre a San Cassiano, il Laite di Sappada o il La Clusaz di Gignod. Ma ce n’è per tutti i gusti, perché alla fine, purché si esalti il buon cibo anche tra ciaspole e sci, si trova sempre il tempo di organizzare eventi gastronomici di ogni sorta, dall’etico, e ormai noto, Care’s in Alta Badia fino alla prima edizione a Courmayeur di Taste, format che sembrava nato solo per metropoli come Milano e Roma. Questa è però solo la punta più scintillante dell’iceberg della montagna gourmet. Che il cibo è una cosa seria, e sempre legato a …

Stem vs SteAm. Se la matematica non basta

Arte batte ingegneria uno a zero. Può sembrar strano in un’epoca in cui tutti spingono verso le discipline scientifiche con la promessa di 2,3 milioni di posti di lavoro entro il 2025 (dati Commissione Europea). Strano, ma non senza endorsement di importanti, come quello di Stephen Wozniak, cofondatore di Apple, che ha candidamente dichiarato che la creatività è più importante delle osannate materie Stem (acronimo anglosassone che sta per science, technology, engineering e mathematic). Alla Rhode Island School of Design, università privata del New England, si sono inventati così lo STEAM, un movimento che promuove un insegnamento multidisciplinare e che utilizza le arti per sviluppare quelle abilità logiche, analitiche e critiche da applicare a materie tecnologiche, ingegneristiche e matematiche. «Se si vuole fare innovazione in campo informatico e tecnologico, è necessario essere creativi» dice Giada Totaro dello Steam Atelier di Lecce. «Mentre lo STEM si concentra sui processi e principi, il metodo STEAM spiega il perché le cose sono fatte. Nei nostri laboratori, da 5 a 60 anni, non si insegnano le leggi fisiche che …

L’invasione delle supereroine

Un film horror. Fino a pochi anni fa, era questo l’unico genere cinematografico in cui le donne comparivano più degli uomini (53 per cento). Certo, appena si considerava il tempo in cui le attrici avevano agito e parlato come esseri pensanti, ecco che la bilancia si riposizionava in favore dell’altro sesso; ma del resto, sempre meglio di quel risicato 29 per cento a loro riservato nei film d’azione. È uno dei tanti dati elaborati con il Geena Davis Inclusion Quotient (GD-IQ) del The Geena Davis Institute, la fondazione voluta dalla star hollywoodiana di Thelma&Louise per far emergere la disparità di genere nell’industria cinematografica. «Abbiamo iniziato a raccogliere dati sui film nel 2007» dice Madeline Di Nonno, Ceo della fondazione, «da quando la stessa Davis notò che i film che guardava sua figlia, cartoni animati compresi, erano senza personaggi femminili. Negli ultimi anni, il software GD-IQ ha rilevato, per la prima volta con matematica esattezza la mancanza di ruoli femminili ma, dopo aver presentato i dati 2016 a produttori, dirigenti, sceneggiatori e attori, abbiamo visto che, …