Month: settembre 2018

Il mio amico albero

È finita che abbiamo preso tutti la strada di Cosimo Piovasco di Rondò: sollevati da terra ad andar per alberi, ascoltare rami e foglie, rivendicare all’ombra delle chiome la necessità di disimpegno e leggerezza. Chiamasi vacanza. Sempre più verde e arboricola, dicono le anticipazioni del rapporto Gli italiani, il Turismo Sostenibile e l’Ecoturismo di Fondazione Univerde e IPR Marketing che sarà presentato il prossimo 27 settembre in occasione della Giornata Mondiale del Turismo, con una crescita dal 4,7 al 12 per cento di chi la vuole pure attiva. Ma anche una vacanza sempre più elaborata, infiocchettata di nessi e connessi filosofici, terapeutici, socioambientali. E più performante. Dopo il cammino sospeso nei boschi del Mogelsberg, nel cantone svizzero di San Gallo, a novembre per esempio sarà inaugurata una torre panoramica alta 45 metri che garantirà un punto di osservazione originale e unico tra le cime degli alberi della foresta di Gisselfeld Klosters Skove. Siamo a poco meno di un’ora da Copenaghen, nel Camp Adventure Park, che avrà anche una passerella sospesa costruita con il legname delle foreste …

Francis Hallé, i nostri amici alberi

A ottant’anni si arrampica ancora sugli alberi. Il botanico francese Francis Hallé, il 20 settembre sarà libreria con Ci vuole un albero per salvare la città (Ponte Alle Grazie), un manifesto civico che spiega perché gli alberi sono i nostri migliori alleati contro il degrado ambientale. Ecco cosa ci ha detto. Quando è nata la sua passione per gli alberi? Avevo cinque anni e mio padre portò la mia famiglia lontano da Parigi, in campagna, a causa della guerra. Lì ho cominciato a giocare con loro. Poi sono diventato un botanico e ho viaggiato per il mondo dove gli alberi sono più numerosi. Lei ha costruito un dirigibile per studiarli meglio. Perché? Il dirigibile serve a studiare tutta la foresta. Aver accesso alle cime consente di vedere cose molto interessanti. I miei colleghi entomologhi hanno scoperto nuove specie di insetti. Io ho trovato una ripartizione di molecole attive, sostanze che possono servire per uso farmaceutico. Che cosa è un albero per lei? Innanzi tutto un essere vivente come me e lei. Ma è importante capire che …

È tempo di vendemmia

Un esercito di vignaioli sta per invadere le cantine nostrane. Vestiti con gonnelloni o pantaloni corti, disposti a sporcarsi di terra e schizzi di mosto, con cappelli di paglia e armati di grembiule, cesto e forbici, sono tredici milioni gli enoturisti che ogni anno decidono di passare  tra botti e filari almeno una giornata o qualche ora. Sempre di più scelgono quella che viene chiamata la vendemmia esperienziale: provare in prima persona a raccogliere l’uva, sperimentare raspatura, pigiatura a piedi nudi, assaggio del mosto. Secondo Nicola D’Auria, presidente del Movimento Turismo del Vino, l’associazione che conta novecento cantine in tutta Italia e che ogni autunno organizza Cantina Aperte in Vendemmia, in tre anni i novelli contadini si sono triplicati, agevolati forse da una nuova legge ad hoc in grado di normare, e quindi di facilitare l’organizzazione, tutte le iniziative ospitate nei luoghi del vino. Che sono tante. Nelle tenute vinicole non solo si raccoglie uva, ma ci si ferma per un pic-nic (Cantina Endrizzi di San Michele all’Adige, in Trentino); si pratica il nordic walking …