Month: Maggio 2019

La dieta che salva il pianeta

Da dove si comincia a salvare il pianeta? Dalla tavola. Dichiarazioni di lotta ecologista a parte, è questo il messaggio lanciato dai 37 esperti in materia di salute, nutrizione, sostenibilità ambientale, economia, della EAT Lancet Commission, e che qualche settimana fa, sul famoso settimanale scientifico inglese, ha reso noto la Health Planetary Diet. Detta anche Dieta dell’Antropocene, termine che indica l’epoca geologica attuale, è una vera tabella di marcia per l’intera filiera alimentare, dalla produzione al consumo, da qui al 2050, nonché il primo dei documenti che mostreranno come la nostra salute coincida con quella del pianeta. La dieta, di per sé, suona così: diminuire del 50 per cento il consumo di carne rossa, farine raffinate e zucchero, e aumentare quello di frutta, verdura, farine integrali, legumi, semi oleosi e pesce. E poiché le tavole del mondo non sono tutte uguali, ci sono alcune differenze continentali: mentre i nordamericani dovrebbero diminuire dell’84 per cento il consumo di carne, agli europei se ne chiede un taglio di “solo” il 77 per cento, con l’indicazione di mangiare però …

Se l’app spia le nostre mestruazioni

Margaret Atwood, la scrittrice de Il racconto dell’ancella, aveva previsto anche questo. Qualcuno che sorveglia il nostro ciclo mestruale, prendendo appunti su fertilità, desiderio sessuale, umore. Solo che quel “qualcuno” è un’app utilizzata da quasi 10 milioni di donne americane, Ovia, ora al centro di un’inchiesta pubblicata dal Washington Post per un uso non proprio corretto dei dati personali raccolti, e poi ceduti ai datori di lavoro. «Nelle condizioni d’uso ci sono spesso clausole che consentono all’app di cedere informazioni sensibili, ma gli utenti non sembrano fare attenzione» dice Giampaolo Dedola, ricercatore di Kaspersky Lab, azienda di sicurezza informatica che da pochi giorni ha rivelato i dati di uno studio che vede il 63,5 per cento degli italiani tanto disinteressanti alla privacy digitale da essere disposti a dare l’accesso totale ai propri dati in cambio di (poco) denaro. Se sapessero che il così detto mercato “femtech” – app benessere comprese – varrà 50 miliardi di dollari entro il 2025, cambierebbero idea. Ma cosa fare per proteggersi? «Anche l’anonimato, in alcune tipologie di servizio, non funziona» continua …

Generazione Greta. Il futuro è adesso

Altro che apatici e individualisti. Pensavamo fosse la generazione del futuro e invece si sono presi il presente. Greta Thunberg, la 16enne svedese che ha promosso i Fridays For Future per richiamare l’urgenza della sostenibilità ambientale, e che sarà il 19 aprile alla mobilitazione settimanale di piazza del Popolo a Roma (il giorno prima l’incontro con la presidente del Senato Elisabetta Casellati), è stata solo la miccia. I così detti teen innovator sono tantissimi, dall’India all’Ucraina, dall’Africa agli Stati Uniti. «È la prima volta che dei ragazzini si impegnano in modo concreto. E non solo con opinioni, ma con azioni e soluzioni» dice Marco Gualtieri (qui intervista integrale), che dal 2016 porta sul palco di Seeds&Chips-The Global Food Innovation Summit i teenager che salveranno il pianeta. Quest’anno, dal 6 al 9 maggio, partecipano anche coloro che avranno presentato la candidatura per la Call for Teenovators organizzata con la Fondazione Francesca Rava. «Ciò che li rende vincenti, è proprio la loro mentalità. Anche grazie agli strumenti digitali possono raggiungere coetanei dall’altra parte del mondo, informarsi su ogni cosa, …