educazione, Storie
Leave a comment

I bambini e il denaro

Me lo compri, mamma? Quante volte lo abbiamo sentito. Come la solita, accondiscendente, risposta. Quello che però sappiamo meno è che, nonostante tutta questa rincorsa al possesso, i bambini hanno ben chiaro cosa si possa comprare o meno con il denaro. Tante cose, senza dubbio, ed è per questo che sarà meglio fare un lavoro ben pagato, persino due se si vuole comprare una casa, ma con i soldi non si possono ottenere né il rispetto degli altri, né l’amicizia o la felicità, e se proprio devi chiedere un prestito, meglio rivolgersi a una banca che a un amico. Lo dicono i mille trecento bambini degli ultimi anni della scuola primaria usati come campione per la ricerca I Soldi Fanno la Felicità? I Bambini e il denaro in Italiavoluta da Orizzonti TV, la prima web tv dedicata all’educazione finanziaria, in collaborazione con le università di Udine e Cattolica di Milano. Ingenuità e precoce idealismo?

Non proprio: «I bambini hanno una visione più sociale che economica della realtà e valorizzano il capitale sociale» dice Emanuela Rinaldi, ricercatrice di sociologia dell’Università di Udine e responsabile scientifico del progetto, «è solo crescendo, nella preadolescenza, quando gli stimoli del mercato e dei media li indurranno a un maggior consumo, con il primo cellulare, le scarpe griffate, il motorino, che diventeranno più attenti al profitto». L’infanzia, insomma, è l’età del bene comune, ma anche il periodo giusto per piantare i semi di un futuro buon uso del denaro. Peccato che la paghetta, un modo per iniziare i più piccoli alla gestione responsabile dei soldi, sia in Italia una pratica poco usata: «Il modello imperante è ancora quello “a richiesta”, mentre in altri Paesi, come in Inghilterra, può capitare che anche ai ragazzini di 11 o 12 anni venga data una somma mensile piuttosto consistente con cui comprarsi di tutto, dai vestiti al cibo. Non c’è da stupirsi dopo tutto: in Italia è la stessa indipendenza economica degli adulti, che spesso ricorrono ai genitori per le spese correnti, che è differente».

Un’educazione finanziaria virtuosa e un’altra sbagliata comunque non esistono. Premiare con il denaro un buon voto a scuola? Per alcuni motivante, per altri il rischio è la perdita del valore della gratificazione personale. Compensare a suon di euro i lavoretti in casa? Una cosa positiva, a patto che venga fatto in egual misura e quantità tra fratelli e sorelle. Importante invece, è l’esperienza fatta ogni giorno in famiglia: il genitore che fa spese compulsive, che gioca d’azzardo, che non riesce a controllare le uscite o per contro è votato all’accumulo, sono i modelli su cui si costruisce la cultura del risparmio o dello spreco. Certo, anche le carte di credito, i pagamenti virtuali tramite app o on line, hanno modificato la percezione dell’entità del consumo e delle occasioni di spesa: «Spesso i ragazzini non si rendono conto del costo di suonerie, oroscopi, giochi on line, ricariche, mentre i genitori, che raramente vigilano, vedono materializzarsi la spesa solo sull’estratto conto a fine mese» continua Rinaldi.

Eppure i bambini sono in grado di capire l’importanza del denaro e della sua mancanza. Il loro linguaggio, già a otto e nove anni, anche grazie ai messaggi che arrivano dalla televisione, comprende termini come taglio dei costi, licenziamento, crisi del lavoro, e una povertà che, dato rilevato negli ultimi anni, non dipende più solo dalle proprie mancanze o capacità, ma anche da fattori esterni. E se pure citano la lotteria come strumento per diventare ricchi (per altro al pari di avere una buona istruzione!), sono al tempo stesso consapevoli dei rischi e ne hanno timore. Anche mostrarsi eccessivamente parsimoniosi può aprire la strada ad ansie sul controllo o sull’accumulo di denaro. Bisognerebbe se mai aumentare le occasioni che legano al denaro un’esperienza positiva, cosa che succede, e qui gli studi concordano per tutte le età, quando si usa il denaro non solo per sé, ma anche per gli altri. Se parte della paghetta è destinata a un regalo, se ci si ricorda di offrire un dolce, di materializzare un pensiero con un oggetto, allora i soldi si rivelano per quello che sono: uno strumento e non un fine.

(Articolo già pubblicato su Gioia! N. 13 aprile 2018)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.