Food
Leave a comment

Carl Warner o il cibo-paesaggio

Articolo pubblicato su LeiWeb il 7 giugno 2012

Per alcuni è un bisogno, per altri un’ossessione, per altri ancora materiale d’arte. Chissà che cosa avrebbe detto il nostro Giuseppe Arcimboldo, pittore di gorgiere di spighe di grano e acconciature di pesce fresco, dei paesaggi alimentari del fotografo inglese Carl Warner. Lui dice di essersi ispirato all’arte surrealista di Salvador Dalì, ai mondi visionari di Patrick Woodrooffe e alle cover per album musicali di Hipgnosis, ma il rimando patriottico a noi pare evidente. Quel che è certo, invece, è che il rapporto con il cibo, dalla corte della Milano del Cinquecento ai set pubblicitari di Warner, è cambiato (nella foto, Broccoli Forest).

E per chi si può permettere di scherzarci sopra, più che un sostentamento è diventato uno stile di vita: dal Fast al Junk Food, dallo Slow al Fingers Food, fino alla Food Art Experience e al Food Design… Come dire che il cibo, da solo, non basta più, mentre è forte il bisogno di condirlo con un contenuto di costume capace di trasformarlo da semplice nutrimento a esperienza dei sensi.

Senza scomodare il sociologo bolognese Piergiorgio degli Esposti, che sullo status e la simbologia del cibo ha scritto un libro (Il cibo dalla modernità alla postmodernità, Ed. Franco Angeli), è la nostra pratica quotidiana a raccontarci di come, attraverso l’atto del mangiare, abbiamo conosciuto altri sapori e altre culture. Di come il nostro immaginario cambi se assaporiamo caviale o pomodoro. E di come, attorno al cibo e in ricerca di esso, abbiamo incontrato, scambiato, amato e respinto.Questo spiega in parte il perché molti dei lavori di Carl Warner siano ricercati da chi si occupa di pubblicità: il cibo è un linguaggio universale e anche estremamente attrattivo, golosità a parte.

«I prodotti della natura per me non sono altro che una tavolozza tridimensionale, fatta di texture, luci e colori», dice Warner. Per fare i suoi “tableaux des légumes”, tutti immortalati nel libro A World of Food edito da Abrams & Chronicle, ne utilizza quasi un centinaio di chili, anche se alla fine tutto quello che è ancora in buone condizioni viene portato a un ente che si occupa di dare rifugio ai senzatetto. Attualmente Warner sta lavorando alla progettazione di una serie televisiva per bambini, che intende promuovere un’alimentazione sana e affrontare alcuni dei problemi di dieta e nutrizione, e a un libro, Play with Your Food, che inviterà i bambini a usare la loro creatività per interagire con il cibo. Perché alla fine, se l’essere umano è ciò che mangia (Ludwig Feuerbach, cit.), meglio che venga educato fin da piccolo.

gallery fotografica qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.