Me.
Leave a comment

giunta alla fine…

@font-face { font-family: “Cambria”; }p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal { margin: 0cm 0cm 0.0001pt; font-size: 12pt; font-family: “Times New Roman”; }span.textexposedshow { }div.Section1 { page: Section1; }
Tra oggi e domani presumibilmente si saprà la composizione della giunta del Comune di Milano scelta da Giuliano Pisapia. Vedremo se saranno rispettate alcune indicazioni preelettorali come un vicesindaco donna e un consiglio che tenga conto insieme parità di genere e competenze. Quote di sapere invece che quote di potere, avevano ripetuto in più occasioni Giuliano Pisapia e Stefano Boeri. Nella settimana che ha preceduto questa scelta le donne milanesi si sono molto interrogate sui criteri di selezione che avrebbero portato a tale giunta. Soprattutto ci siamo accorte (ma non lo sapevamo già?) che la qualità delle competenze messe in campo, il tanto lavoro speso così generosamente, non erano bastate ad assicurarci un posto al sole. Il sospetto di essere state strumentalizzate, proprio come un cavalo vincente su cui si punta per vincere la posta per poi lasciarlo da parte stanco e sfinito, si è fatto pressante. Sono sfilati così nomi, lettere, riflessioni. E ancora una volta sono stati contributi intelligenti, appassionati, perché è così che le donne sembrano sedersi al tavolo della politica: generose e pensanti. Comunque andrà però, dovremmo seriamente porci il problema che fino a quando noi potremmo occupare posti di potere solo in virtù di una scelta maschile (nella figura del sindaco o dei vertici di partito), non riusciremo davvero a cambiare i processi della politica. Che resteranno così, inevitabilmente, tagliati su un abito maschile certo ben più addestrato di noi ai normali giochi di potere. Nella bella lettera Forma e Sostanza scritta qualche giorno fa da Anna Catasta, si discuteva proprio di questo. Perché un conto è la libertà di scegliere, un altro, la libertà di essere scelte. La strada è lunga quindi, tanto più che accontentarsi della gentilezza di un maschio politico che, con lungimiranza, ci ha concesso la parola, sarebbe uno sbaglio che pagheremo caro. La prossima volta, la parola, sarebbe meglio prendercela da sole, magari interrompendo quel flusso che per inerzia perpetuava avanti da qualche migliaio di anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.