Me.
Leave a comment

it’s all fiction

Stavamo solo scherzando. Un po’ per noia, un po’ per gusto dell’invenzione, o per quell’abitudine diventata mestiere che trasforma tutti in impresari e commedianti. Sappiate che se peccate di rigidità, rischiate di perdervi nelle secche infinite della coerenza. Sappiate che se avete il vizio di compiacervi con la logica, rimarrete delusi come un adolescente con il primo amore. Fate viaggiare la fantasia. Meglio. Esplorate le infinite tonalità del grigio. Siate agili e leggeri. Imparate da Stuart Mills, dai deputati leghisti, da Roberto Formigoni. Un giorno è una cosa, un giorno è un’altra. In fondo, solo gli stupidi non cambiano idea. E anche quando la realtà sembrasse descritta così bene da sembrare vera, sarà solo per servire al meglio la costruzione della storia: it’s all fiction, appunto. Ce lo ha detto Mills. Come nell’iperrealismo del resto, anche la realtà più reale può sfociare nella finzione. Una fruttiera, un melone aperto, un assegno, un doppio incarico, un corpo di uomo, un salvacondotto per un amico di mafia. Suvvia, non mancate di ironia. Sperimentate nuovi punti di vista. Il tempo delle favole non finisce mai, se non lo volete. E se sarete bravi bravi, sono sicura che quest’anno arriverà Babbo Natale. Quello vero naturalmente, avete dubbi?

Filed under: Me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.