Food
Leave a comment

Juice Power

Non è che ci volesse la University College of London a dirci, dopo uno studio di otto anni che ha coinvolto 70 mila persone, che l’assunzione di frutta e verdura (560 g. al giorno ) fa bene alla salute e allunga la vita. Pochi sanno però che, sottoposte a calore, molte delle vitamine e sostanze nutritive in esse contenute si distruggono. Ecco perché oggi non si parla più di spremute o centrifughe, ma di estratti di succhi vivi. Una Juice Generation che include da Edward Norton a Jason Bateman, da Martha Stewart a Salma Hayek, e che in Italia, arrivati gli estrattori ad alta tecnologia tipo Hurom e Coway, ha già attratto molti sportivi e volti dello spettacolo. Quando un cavolo, una barbabietola o una mela sono ridotti a succo, regalano al nostro corpo non solo enzimi quattro volte più assorbibili, ma anche una digestione ridotta a 10/15 minuti. In più, i succhi sono ricchi di minerali essenziali, ci aiutano ad eliminare tossine e aumentare la vitalità, sono ricchi di clorofilla, bilanciano i livelli di acido e alcalino nel corpo e svolgono azione anti âge (Liz Earle docet). Quanto a quello che si usa, c’è da sbizzarrirsi. Anni fa, uno studio sui ciclisti nell’Università inglese di Exeter, ha evidenziato come il succo crudo di barbabietola, ricco di nitrati, ne aumentasse le prestazioni, mentre recentemente la Tufts University ha scoperto l’estratto di mirtilli non solo migliora la memoria, ma anche equilibrio e coordinazione. Ma c’è chi consiglia di provare i peperoni rossi, con vitamina C, A, B6 e magnesio a profusione (magari mescolato a carote e zenzero) o di affidarsi alla solita, ma sicuramente toccasana, mela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.