Me.
Leave a comment

L’eroica

Quella che all’azienda di famiglia ci pensa lei, che è meglio di suo fratello, ma continua a preparare il pranzo al marito, accompagnare la figlia a danza, occuparsi della mamma malata, preparare il mangiare precotto per tutta la settimana, perché il tempo è mio e me lo gestisco io. Quella che sta con le donne del PD, ma anche con quelle di Fli e forse anche con la Lega e il PDl perché le donne sono accoglitive e trasversali per natura. Quella che a far lezione di musica alla prole ci penso io, dopo i compiti e la piscina, perché io il pianoforte lo suono da 20 anni. Quella che i capelli io non me li tingo fino a che non lo fa anche Richard Gere. Quella che sorride, sempre. Quella che fa il capo ma è anche amica dei suoi dipendenti. Quella che fa il genitore ma è anche amica dei suoi figli. Quella che di figli non ne fa, se mai li adotta, perché questo mondo di povertà e sovrappopolazione ne ha già vista abbastanza. Quella che sposta la riunione di classe al dopocena che così riesce a incastrare tutto. Quella che fa la rivoluzione: in quattro, al tavolo di un bar, fondando un’associazione (femminile). Quella che nel salotto delle femministe non ci sta, tempo perso. Quella impegnata, sempre. Quella che si dimentica tutto fuorché se stessa. Quella che ha tremila vite e tutte con lo stesso diritto di cittadinanza. Quella che non dà fastidio, sta in un angolino a lato, ma sempre e comunque sopra di te. Quella che fa yoga almeno otto volte la settimana. In una settimana normale di sette giorni, intendo. Quella che mia mamma, mia nonna, la mia bisnonna… tutte donne eroiche da svariate generazioni. Quella che lui con me è diverso. Quella che porta il tacco 12 come se niente fosse. Quella che si rifiuta categoricamente di portarlo. Quella che si ostina a prendere il magnesio caldo ogni sera perché è sicura che così non le verrà l’osteoporosi. Quella che meglio il medico donna. Quella che “ismi” sì, ma “ismo” no. Quelle che riempiono le piazze e poi le svuotano, e poi le riempiono e poi le svuotano. Quelle che non si arrendono mai, soprattutto a loro stesse.

Post in continuo aggiornamento…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.