Food
Leave a comment

Superfood, la salute è nel piatto

[Pubblicato su Gioia! del 2 aprile 2015] Ormai è fatta. L’epoca del food design, del cibo spettacolo che intratteneva occhi e palato, è finita. La gola si è arresa alla salute, con buona pace di “impiattamenti” a effetto e show cooking. Si torna alla sostanza, insomma. Alla Sana Intelligenza, per citare il refrain dell’ultimo congresso di Identità Golose durante il quale chef stellati hanno parlato, e tanto, di come il cibo contribuisca al nostro benessere. Fisico e mentale. E non si tratta solo di fare l’amatriciana con la pentola a pressione come insegna Davide Scabin per eliminare olio, burro e molto sale (oltre che risparmiare 17 miliardi di litri d’acqua l’anno). Si tratta di imparare a esaltare le proprietà dei legumi, per esempio, in tempeh di soia gialla come suggerisce il cuoco filosofo, reduce da sette giorni di digiuno nella campagna di Assisi, Simone Salvini; di fare tesoro delle tecniche di fermentazione utili a creare un patrimonio di microorganismi dalle eccezionali proprietà curative, disinfettanti e ricostituenti, sperimentate nella cucina di Daniela Cicioni, che pure insegna, con i suoi estratti vegetali, come le cotture a bassa temperatura, se non il crudismo tout court, siano indispensabili per mantenere i benefici di ciò che mangiamo. E perché no, si tratta di trasformare le diete, come quelle a cui ci si sottopone alla Wellness & Medical SPA Henri Chenot di Erbusco, non in pasti mortificanti, ma sorprese del gusto create da Fabio Abbattista: spaghetti di patate per celiaci, gnocchi in estratto di ceci e cannolo di purè di fave alla maniera pugliese con cicoria selvatica disidratata.

Qualcuno, parla persino di farmagourmet, e mentre nei ristoranti Grani&Braci e Tondo di Milano si organizzano le cene con il dottore, da Roberto Cavagna a Luca Speciani, per parlare di menu, dermosomatica e intolleranze; mentre nei bacari veneziani impazza la Cucina del Senza con chef e pasticceri che realizzano piatti senza sale, grassi o zucchero aggiunti, ecco che si va alla caccia dei nuovi ingredienti miracolosi, i superfood. Concentrati di vitamine, aminoacidi, proteine, minerali essenziali, Omega 3, fitonutrienti, ma senza glutine e basso contenuto di grassi. La parola d’ordine, in ogni caso, è fermentazione, dal kimchi (piatto coreano fatto di verdure fermentate con spezie) al kefir, dal kombucha (il tè addolcito e fermentato che i cinesi chiamavano elisir della salute immortale) al tempeh. Solo così si creano quegli enzimi e probiotici che aiutano digestione e sistema immunitario regalando, tra l’altro, vitamine del gruppo B e omega 3. E se l’anno scorso i must erano cavolo nero, bacche di goji, quinoa e mandorle, sappiate che quest’anno non si potrà fare a meno di alghe, funghi chaga, noci tigre, tè matcha, moringa, grani antichi e polline d’api.

Certo i veri superfood, come sostiene l’americano Josh Schonwald, già autore di The Taste of Tomorrow, sono molti meno di quelli che i vari nutrizionisti elencano. E questo perché, prima ancora per le loro proprietà, sono le piante a essere speciali. La moringa, per esempio, i cui semi sono i preferiti, si dice, da Lily Cole e Livia-moglie-di-Colin Firth, cresce fino a 15 metri in un anno, resiste alla siccità ed è in grado di purificare l’acqua. Dell’albero del miracolo, come lo chiamano in Asia e Sud America, si può usare tutto: contiene quasi il 25 per cento di proteine, tutti e nove gli aminoacidi essenziali, ha sei volte gli antiossidanti delle bacche di goji, più vitamina B12 di una bistecca e una piccola porzione di foglie ha sette volte la quantità di vitamina C di un arancio. Anche le alghe kombu crescono velocemente senza bisogno di acqua fresca o fertilizzante. Eppure, sono ricchissime di proteine, di antiossidanti salutari per il cuore, e di iodio, utile per la tiroide. Ben conosciuta dai vegani, si consiglia di usarla nella cottura dei legumi o nella preparazione di zuppe. Perché, a meno di non assumerli in polvere o pastiglie, quello che va modificato quando ci avviciniamo ai superfood, sono le abitudini alimentari.

A cominciare dall’introduzione di estratti vegetali (vedi link Juice Power), di farine diverse come quella di teff (cereale etiope privo di glutine usato come antifame da Gwyneth Paltrow e Victoria Beckham), e di cibi scuri come il riso nero che, secondo molte ricerche, hanno in generale più sostanze nutrienti. Ma secondo il Whole Grain Council il riso nero ha qualcosa in più: le antocianine, antiossidanti simili a quelli dei mirtilli, ma in una quantità sei volte superiore rispetto agli altri risi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.