All posts tagged: adolescenza

Il Diritto di contare visto da #ladolescente

Alcuni giorni fa sono andata con #ladolescente a vedere Il Diritto di Contare, il film di cui ormai parlano tutti (io in quest’articolo) e che racconta la storia di tre donne di colore, matematiche, abili nei calcoli e nella programmazione, che hanno dato un forte contributo alle missioni spaziali della Nasa. Una storia tenuta ben nascosta, fuori dalle stanze in cui si prendono decisioni, relegata spesso in cucina o nelle stanze di servizio. Tutte cose ben raccontate nel film. Che è infatti un film facile e gradevole, in cui davvero, tutto il classico del mancato riconoscimento (le porte in faccia, le firme negate, la prima a essere liquidata) è messo in scena in modo quasi didascalico. Ecco perché la presenza de #ladolescente era importante. Non la mia, che le cose ormai le mando a memoria. E che quando sento la frase ripetuta come un mantra: “Siamo in grado di fare il lavoro”, so bene di cosa si tratta. L’opinione e la riflessione de #ladolescente, ormai assunto come la speranza di un futuro migliore, è insomma quella conta. …

Te la do io l’adultescenza….

L’anno scorso sono stati più di un milione. Stimabili e compìti professionisti che con mesi di anticipo hanno prenotato un workshop per imparare a costruire un razzo e partecipare a missioni spaziali interattive. Chi non ce l’ha fatta a rientrare tra i fortunati astronauti in erba, ha ripiegato su sessioni di stargazing mixate a canti di gruppo. E poi i grandi classici del divertimento all’aria aperta, come altalene nei boschi, tiro con l’arco, gare in kayak, paintball, ping pong e wakeboarding. Il summer camp per adulti, almeno negli Usa, è ormai una realtà. Gente solitamente abituata a dormire in alberghi di lusso dove pure la morbidezza del cuscino è customizzata, e che invece è disposta a pagare più di 100 dollari a notte per condividere dormitori stile colonia post bellica. Ma del resto, tra i fondatori di Space Adult Academy, Camp Grounded (nella foto un momento della Guerra dei Colori) o Camp No Counselors, ci sono ex top manager di multinazionali, consulenti di grandi società, vice presidenti, e chi meglio di loro sa quanto sia importante staccare …

La prostituzione è femmina

Oggi l’arresto a Brescia di undici uomini che adescavano ragazzi minorenni via Internet e ottenevano rapporti sessuali in cambio di soldi. È una vicenda vergognosa di cui si avranno più dettagli nei prossimi giorni. L’episodio è molto simile, quasi a specchio, alla vicenda degli uomini che, con pari modalità, erano stati coinvolti in un giro di prostituzione minorile a Roma scoperto nell’ottobre del 2013. In entrambi i casi i ragazzi e le ragazze, dai 14 ai 16 anni, venivano adescati su Internet. In entrambi i casi è stata una madre ad avvertire il sospetto, nel primo caso per la scoperta di sms, nel secondo per l’eccessiva disponibilità economica della figlia. In entrambi i casi, gli e le adolescenti l’hanno fatto per soldi, hanno ritenuto cioè possibile vendere e mercificare il proprio corpo per telefonini, disponibilità di contanti, catenine d’oro con lo stemma dell’inter, cene etc…. In entrambi i casi tutto era gestito semplicemente, in modo efficace e naturale, via sms con il proprio smart phone. In entrambi i casi, ancora, case a disposizione, e bei padri di …

Cosa insegniamo ai nostri figli

L’esempio vale più di mille parole. Spero che su (almeno) questa affermazione si possa essere tutti d’accordo. Quindi facciamo uno sforzo ulteriore e domandiamoci cosa, ogni giorno, insegniamo ai nostri (ingestibili dicono) figli. L’altra sera per esempio ero al cinema e nel bel mezzo di una scena topica la signora della fila davanti, leggermente spostata sulla mia sinistra, ha tirato fuori dalla borsa il suo smartphone 37 pollici e si è messa a scrivere dei messaggi su Whatsapp. Quasi quasi riuscivo a leggere l’argomento della chat, se non che il riverbero luminoso dello schermo era così fastidioso da costringermi, dopo qualche minuto, a chiederle cortesemente di abbassare (almeno) il cellulare. Alla fine del film, la bionda signora con il filo di perle si è scusata dicendomi: «Non volevo disturbare, volevo solo sapere come stava mia figlia e scambiare due messaggi». Non le ho risposto. Avevo appena visto dei brandelli di cervello deflagrare sulla faccia di un altro e, quindi, non le ho risposto. Come non vi dico che, sarà capitato anche a voi, ancora oggi, ogni volta che sono …

E poi, il resto del tempo cosa faccio?

Ieri ho passato un pomeriggio con otto adolescenti. Passato è una parola grossa perché in realtà si trattava di spostarli da un posto all’altro e tenermi adeguatamente a distanza durante le loro attività. Una compagnia discreta insomma, anche se a me fa sempre piacere parlare con loro, ascoltarli, osservarli. Avete mai provato a chiedere loro di cosa parlano quando stanno insieme? Cosa sia dicono? A parte il gergo usato che minerebbe il sistema nervoso di chiunque, pesando le conversazioni ho scoperto che il piatto della bilancia pendeva nettamente dalla parte del gioco on line. Cioè, metà del tempo lo passano sul gioco. L’altra metà, ne parlano. Ovviamente queste sono banalità e nemmeno tanto rispondendo al vero, ma la cosa interessante è che a un certo punto, intervenuta nella conversazione, ho chiesto loro di spiegarmi alcuni meccanismi. Puntualmente, e seriamente, mi hanno risposto. Poi ho chiesto loro cosa pensassero del tempo che passavano sui giochi. Bene, sapevano del rischio di perdita di concentrazione, dell’inutilità, dei problemi di vista. Allora, da secchiona e mamma quale sono, ne …

E se la (cara e vecchia) non violenza fosse la soluzione?

Bullismo, cyberbullismo, eccessi comportamentali e conflitti più o meno aspri. A scuola, al parco, in palestra, sono spesso questi gli argomenti (e le paure) all’ordine del giorno. Il 2 ottobre scorso, giorno della nascita del Mahatma Gandhi, e Giornata internazionale della Non Violenza, è stato presentato il lavoro del Centro Non Violenza Attiva Educazione alla nonviolenza a Milano, patrocinato dall’Assessorato all’Educazione e all’Istruzione del Comune di Milano e sperimentato in alcune scuole milanesi proprio quest’anno. Non è difficile capire quanto l’educazione scolastica sia complessa e quanto il confine tra il benessere psicofisico e la buona, ed efficace, trasmissione del sapere sia labile. Non è difficile, ma non è scontato, tanto che io stessa sono testimone della sottovalutazione di comportamenti preoccupanti (insulti, didattica punitiva, osservazioni sessiste) perché considerati, anche dagli stessi genitori, semplicemente slegati dalla funzione dell’insegnamento. Quasi che secoli di pedagogia fossero passati invano… In molte scuole, laboratori per la prevenzione e la gestione dei conflitti, spesso legati alla vita in Rete, si fanno. Il richiamo alla (cara e vecchia) non violenza è in questo caso esplicito …

YouTube, le regole da sapere

Prima dei 13 anni non si potrebbe aprire un canale YouTube. Dopo di che, Google offre, nella pagine di supporto, chiare indicazioni per educatori, genitori e adolescenti, sui comportamenti corretti (Centro Sicurezza). Tuttavia, poi scopri che i ragazzini caricano video anche prima dell’età richiesta e che, anche dopo, forniscono dati sensibili come il luogo di residenza o dove vanno in vacanza… «Da mamma di due figli, e da esperta di piattaforme di condivisione di contenuti, mi sono resa conto che le regole per un utilizzo consapevole del web vanno date quando sono più piccoli. A 10 o 11 anni è più difficile farsi ascoltare, ma se un dialogo è stato costruito prima, allora sono loro a mostrarti i dubbi se vedono “qualcosa che non va”», dice Simona Panseri di Google. Il che significa, aprire inizialmente un canale magari in modalità privata o unlisted (solo chi ha il link del video lo può vedere); sensibilizzare i ragazzi sulle informazioni personali; usare tutte le modalità di protezione consentite; o semplicemente chiedersi, prima di postare qualsiasi cosa, se …

Generazione YouTube

[Pubblicato su Gioia! settembre 2015] Se lo dice Susan Wojcicki, madre di cinque figli, a capo di YouTube dal febbraio 2014, e lo dice dalle pagine del Time, c’è da crederci. Il più grosso incremento tra il “pubblico” del terzo sito più visitato al mondo e su cui, ogni minuto, vengono caricate 400 ore di video (65 anni al giorno!), è tra i ragazzi dai sei ai diciassette anni, con il 66 percento, dai sei ai dodici, che vi naviga tutti i giorni. Boom. Negli Usa si grida già al fenomeno e si va avanti, al solito, tra studi sociologici, nuove pianificazioni e revisione dei contenuti tra cui, appunto, il lancio di YouTube Kids, un luogo virtuale dove i più piccoli, per ora solo negli Stati Uniti, possono navigare senza il rischio di inciampare in materiale non adeguato. Ma YouTube è più di una televisione. È una community, un luogo di sperimentazione e rappresentazione di sé, e la verità è che chi pensa di trovarsi di fronte a una generazione video dipendente, o compulsivamente votata …

Te lo dò io, il prof!

[Pubblicato su Gioia! del 19 settembre 2015] Siamo cresciuti con l’allegra maestrina dalla penna rossa di De Amicis e i maestri innamorati del loro lavoro e degli alunni descritti da Giovanni Mosca. Poi, una volta grandi, ecco quel “O capitano! Mio capitano!” simbolo, consolatorio, dell’insegnamento appassionato, capace di far scattare la scintilla della conoscenza nell’animo degli studenti. Ma sono davvero i professori (anche) maestri di vita, a essere i più apprezzati dai ragazzi? A leggere il nuovo libro di Christian Raimo, lui stesso professore di storia e filosofia, Tranquillo prof, la richiamo io (Einaudi), si direbbe di no. Il protagonista dice di lavorare per la felicità dei suoi studenti (telefonate a casa comprese), augura loro tutta la meraviglia del mondo, eppure, loro, i ragazzi, non sembrano apprezzarlo. Anzi, gli preferiscono la supplente e lo rimproverano appena hanno l’occasione. «Il modello di insegnante proposto da molti libri e film è discutibile, quasi antipedagogico. Il mio è un professore che non sa mantenere la distanza, sempre alla ricerca di un amore non dovuto, e che non capisce …

Hikikomori, le parole dell’esperto

Il corpo in una stanza, edito da FrancoAngeli, e curato da Roberta Spiniello, Antonio Piotti e Davide Comazzi, è il risultato della prima ricerca sul fenomeno degli hikikomori, i ritirati sociali, in Italia. Racconti di casi clinici, terapie, riflessioni per far conoscere una patologia crescente e per darne una panoramica completa, dall’individuazione al trattamento. Questa è l’intervista integrale a Antonio Piotti che ho incontrato in occasione del mio articolo per Gioia!. Il fenomeno hikikomori, nella dimensione italiana, è recente, da quanto viene indagato? Avevo già scritto tempo fa un libro, Il banco vuoto, che si riferiva a un unico caso clinico che poi è stato trasformato un una pièce teatrale portata nelle scuole. Come associazione Minotauro seguiamo questi casi da una decina di anni, ma la ricerca di cui tratta il libro è iniziata tre anni fa. È la prima in Italia, che cerca di dare una panoramica completa, dall’individuazione della patologia, al trattamento. Qual è la dimensione del fenomeno? Noi abbiamo calcolato 60 mila casi. Un numero che ci dice che la situazione è problematica, anche …