All posts tagged: Biennale di Venezia

Neoumanesimo, l’Uomo nuovo è sempre lo stesso

C’è una parola nell’aria, ed è neoumanesimo. Che si parli di neuroscienze, ricerca storica, considerazioni filosofiche o approcci cognitivi, riflessioni artistiche o etiche, l’Uomo è di nuovo al centro del mondo. Ri-definirsi, nel corpo e nelle emozioni, sembra il nuovo imperativo. Provare a dare un nuovo senso, nella perdita di orientamento che sperimentiamo quotidianamente, a principi fondamentali come identità, diritto, responsabilità, umanità, valore, una necessità. «È vero, è una parola molto consumata, talvolta corrotta, ecco perché il mio sforzo che è stato quello di ridefinirla sul piano storico e cercare di rintracciarne alcuni tratti costitutivi». Parole di Michele Ciliberto, docente di Storia della filosofia moderna e contemporanea nonché presidente dell’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento. Suo è il recente Il nuovo Umanesimo (Laterza ed.): «Bisogna per esempio rilevare che, storicamente, ogni volta che la situazione dell’Uomo si trova in uno stato di crisi e profonda trasformazione, l’Umanesimo torna. È successo negli anni Trenta, quando le nuvole nere dei totalitarismi hanno coinciso con studi straordinariamente fecondi su Pico della Mirandola, e oggi, che il problema della …

l’arte non è cosa nostra

L’altra sera mi è capitato di vedere la trasmissione 8 e mezzo con Lilli Gruber. C’era Vittorio Sgarbi, reduce dal suo programma flop e dal suo controverso Padiglione Italiano alla Biennale d’arte di Venezia L’Arte non è cosa nostra. Sgarbi ha difeso a spada tratta l’originale opera curatoriale del suo padiglione a cui sono stati chiamati a partecipare da Fernan Ozpetek a Veronesi, da Umberto Eco ad Aldo Busi. Il tutto, dice lui, contro la mafia di collezionisti e galleristi che hanno devastato il panorama artistico o parassite della creatività, o giù di lì, come Beatrice Trussardi e Miuccia Prada. Trovo sia una vile abitudine giustificare i propri progetti, quali essi siano e tutti legittimi, con la denigrazione del lavoro altrui, ma devo dare atto che questo ormai è metodo ricorrente. Pochi giorni fa, Roberto Perotti su Il Sole 24 Ore ha scritto a chiare lettere come il vero disastro del berlusconismo non sia stato il buco economico raccontato dall’Economist, ma l’aver riportato indietro di 30 anni il dibattito sociale e di aver infangato la …