All posts tagged: John McEnroe

Cercasi avversario disperatamente

Nel suo libro You cannot be serious (in italiano Sul Serio) John McEnroe scrive che uno dei momenti più tristi della sua carriera è stato quando il suo eterno rivale Björn Borg ha lasciato il tennis uscendo una sera dal campo di Flushing Meadows e non tornando mai più (o quasi). Forse Borg aveva capito che, se a lui bruciava essere il numero Due, anche essere il numero Uno, senza un secondo che tenesse ancora più in alto il podio, non doveva essere una grande soddisfazione. Le epopee del tennis, e dei suoi protagonisti, sono scandite da grandi rivalità. Roger Federer (l’immenso, l’inarrivabile) non potrebbe essere così grande senza la sua nemesi Rafa Nadal, che infatti l’ha battuto più volte, e pure con una certa costanza, senza per altro scalfire la convinzione che era l’altro, lo sconfitto, il più grande di sempre. E poi Sampras e Agassi, Chris Evert e Martina Navratilova, Becker e Lendl.. che sono quelle che io ricordo. Ora, dopo la finale persa a Madrid da Rafa, appare chiaro che il tempo ci sta sottraendo …

Wimbledon: l’altra finale

Ho guardato e riguardato l’ultimo set, della finale di Wimbledon una decina di volte solo per fermare questo frame. La faccia impietrita di Roger Federer, statica e quasi bidimensionale, vagamente pre ellenistica. Ha appena sistemato asciugamani e magliette. Si è sistemato il ciuffo bruno con la mano sinistra. Nole è salito a grandi falcate al suo box, abbraccia Boris Becker e il clan e ora ridiscende nel Centre Court: i ragazzi sono tutti in fila, sistemati dietro la rete. Nole ripone dentro la borsa le sue racchette, beve un sorso d’acqua. È quasi tutto pronto per la premiazione. Entrano i fotografi, e lui, Lui, ha ancora quella faccia. La abbassa un poco dopo che le gemelline, in completo a fiori Oscar de la Renta collezione estate 2014, vengono sedute a cavalcioni sul box della famiglia reale (quale del vero Re dell’erba di casa). Poi entra Edward George, Sua Altezza Reale il duca di Kent, si ferma prima a sinistra con un giovane uomo, poi a destra, con una giovane donna e lui, Lui, ha ancora quella faccia. La stessa inclinazione. …