All posts tagged: precarietà

siamo tutti precari

Nonostante la cervicale che mi stringe i pensieri in una morsa crudele questa mattina è iniziata bene. Ho visto il video dei giovani precari che il 9 aprile scenderanno in piazza con lo slogan Il nostro tempo è adesso e ho ascoltato la musica di sottofondo: era quella di Zaz. Avevo parlato della voce di questa giovane cantante francese che tanto ricorda Edith Piaf, di questa musica che gridava liberazione in un mio post di novembre scorso e allora mi sono detta, Ipazia è con voi! (Ma lo sarebbe stata anche senza musica). Ieri sera ho ricevuto un altro messaggio su Twitter per il mio post La Giovine Italia. La parola rassegnazione ritorna come un mantra. Così come quel sentimento di impotenza che paralizza alcuni giovanissimi ormai incapaci di immaginarsi un futuro. Alcuni, perché i precari che stanno organizzando la manifestazione del 9 aprile hanno capito che una strada per uscire da questa impasse generazionale c’è. E la strada, è sempre la stessa. Ovvero contarsi, dare spazio a una forza unita, dire chiaramente che cosa …

la giovine italia

Ieri la metropolitana rigurgitava persone. Il caso ha voluto che io incontrassi una giovane collega precaria che mi ha dato un passaggio per arrivare al lavoro. 45 minuti di traffico e di rivalità automobilistiche in cui però si sono salvate belle parole. Sempre il caso ha voluto che questa collega sia nata il mio stesso giorno, alla stessa ora, ma dieci anni prima. Quanto basta per essere vista come una di un’altra generazione, cresciuta in un altro pianeta, lontana nelle esperienze e nelle emozioni. Non posso certo biasimare questa sua percezione: capisco bene come una diversa condizione esistenziale possa generare un confrontoscontro generazionale talvolta più forte di quello dato della semplice differenza anagrafica. Io e Chiara siamo così lontanissime. Separate più da come ci muoviamo, o possiamo muoverci, nella vita di tutti i giorni, che non dalla nostra età. Di fatto, potremmo essere sorelle. De facto, siamo quasi nonna e nipote. E questi sono stati i ruoli durante il nostro dialogo. L’ho ascoltata attentamente, Chiara. Quando mi descriveva l’unica realtà professionale che lei aveva mai …