All posts tagged: crowdsourcing

Bene comune

[Articolo pubblicato sul mensile Amica di marzo 2014] Seduti al caffè della piazza del Duomo di Matera, la Terra dei Sassi si stende immobile davanti alla civita, la Città Vecchia. Dietro l’arco di tufo si nasconde il Recinto, una corte su cui si arrampicano le case di pietra che una volta ospitavano le monache. I materani la chiamano il vicinato perché è qui che, da sempre, si ritrovavano insieme ai compaesani. Siamo nel cuore della comunità materana e, da qualche mese, anche di Casa Netural, un luogo di co-working rurale e co-living che accoglie innovatori sociali desiderosi di scambiare spazio, tempo e idee con il prossimo. Andrea Paoletti, il fondatore, la chiama la comunità del fare, l’incubatore di sogni, una domus per lo scambio di saperi. Lui abita nel mezzanino, gli ospiti, a turno per tre settimane, nell’open space arredato con mobili di recupero. Prima si presentano al resto della compagnia, lavorano insieme, poi, la domenica, gita di gruppo nelle terre della Basilicata. Aglianico e progetti, senza nessun obiettivo perché in comunità, dice lui, «Si …

donne e politica 2.0

La prossima settimana sarà densa di appuntamenti a topic trasversale: donne, politica e web. Il Social Media Week di Milano dedicherà vari appuntamenti al tema, ma il 24 settembre Milano ospiterà anche il Mom Camp (che in ogni caso richiama una delle lobby più potenti nel web,  le mamme), che farà da apripista all’evento organizzato a Bologna da GGDBologna e Donne Pensanti e, a fine ottobre al Feminist Blog Camp. Le associazioni femminili e le donne singole sono molte attive in rete, si sa. Qualcuno pensa che questo non sia un tratto positivo, perché descriverebbe ancora una donna che parla dal focolare domestico, aiutata da una tecnologia amica, quella sì, ma con l’ingrato compito di sopperire alla mancata possibilità di essere realmente e fisicamente presente nelle stanze dei bottoni. È una considerazione su cui bisognerebbe riflettere. Perché davvero, per le donne, la comunione in Rete di iniziative e programmi è cosa importante. E se la forza della Rete si rivelasse un bluff, un palliativo per ambizioni, magari politiche, mancate, sarebbe grave. Non che io non …