All posts tagged: Michela Murgia

Facciamo la pace.

[Pubblicato su Gioia! n. 49 del 5 gennaio 2016] E se la pace tornasse di moda? Se si avesse il coraggio di togliere da questa parola la polvere ideologica, l’inerzia, persino i fallimenti. Per riscoprire il volto propositivo della non violenza. O, come ha suggerito Obama, per non perdere fiducia in ciò che siamo, nei nostri valori, nella libertà che abbiamo costruito. Per Gioia! otto voci per un mondo non violento. Francesca Borri, reporter di guerra e mediatrice, suo il libro La guerra dentro (Bompiani). «Mi ritrovo nei paesi più diversi. Siria, Libia, Yemen, Sudan. Le guerre più diverse. Ma al fondo la storia è sempre la stessa: le persone. Non sunniti o sciiti, rifugiati o terroristi, ma solo uomini e donne. Perché ognuno di noi è mille cose allo stesso tempo. Un musulmano, ma anche un padre, un ingegnere, uno che ama cucinare, guardare film gialli e ascoltare Adele. Solo così, restituendo a ognuno la sua ricchezza, è possibile riconoscerci nell’altro. E parlarci, invece che averne paura». Michela Murgia, scrittrice, da pochi giorni in …

fine della recita di fine anno

In questo strano giorno in cui, chiare più che mai, ci appaiono le conseguenze nefaste del patto tradito tra conoscenza e prevenzione, tra cura e futuro, devo scrivere quella che è la seconda, e ultima puntata, della vicenda Recita di fine anno. È un lieto fine, a mio parere, con qualche spunto di riflessione. Tralasciando la presa di coscienza della Scuola, che pure c’è stata, credo che i comportamenti più interessanti siano quelli avuti dalle dirette interessate: le mamme e donne, spesso lavoratrici. È stata una piacevole sorpresa scoprire che nel sottobosco dei mille impegni serpeggiava un comune sentire. Che molte si erano sentite sopraffatte dall’ansia di non riuscire a fare tutto, di non essere abbastanza presenti con i loro figli. Eppure perché, mi sono chiesta, se non in rari casi (unico il mio, forse), questa fatica non si è dichiarata come insoddisfazione e non ha impedito alle donne, nonostante tutto e tutti, di adempiere a ciò che veniva loro chiesto? In fondo, invece di abbandonarsi a mille sensi di colpa, invece di esigere prestazioni …